COME FUNZIONA: Caro Visitatore questo sito ha una parte accessibile solo previa iscrizione (FORUM) e accettazione delle regole di uso e una parte informativa accessibile a tutti in cui puoi trovare gli articoli scritti da medici o utenti del nostro forum. NOTA BENE: I COMMENTI AGLI ARTICOLI PUBBLICI SONO VISIBILI A TUTTI.
Se vorrai confrontarti o portare la tua esperienza potrai anche iscriverti al nostro forum, che è riservato e accessibile solo sotto utente e password al fine di osservare le regole di base di privacy dei partecipanti, oppure puoi consultare gli articoli liberamente.

SE TI REGISTRI COME MEMBRO DEL FORUM DI FIBRILLAZIONEATRIALE.IT, POTRAI CONSULTARE ANCHE L'ELENCO DEGLI INDIRIZZI DEI MEDICI CHE GENTILMENTE SI SONO RESI DISPONIBILI A RISPONDERE VIA MAIL.

Giovedì, 08 Gennaio 2015 00:00

Forame Ovale Pervio (FOP)

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)

Forame Ovale Pervio (PFO)

Il Forame Ovale Pervio è un’apertura di forma ovale ricoperto di membrana che permette il passaggio di sangue tra l’Atrio destro e l’Atrio sinistro nell’epoca fetale.

Dopo la nascita detta membrana aderisce al setto atriale e chiudendosi ne impedisce il passaggio.

Ad un quarto della popolazione italiana (circa 15 milioni) questo non avviene e rimane questa apertura anche in età adulta.

Tuttavia solo un 20% di queste persone con PFO potrà (a seguito di un colpo di tosse, una manovra di Valsalva o durante conati di vomito) avere un transito anomalo non di solo sangue da destra a sinistra, ma anche di trombi che possono ostacolare il regolare passaggio di sangue e causare ischemie o ictus.

Alcuni anni fa pure al calciatore Cassano è stato riscontrato a seguito di un’ischemia cerebrale (per fortuna senza conseguenze permanenti) questo problema,  è stato sottoposto alla chiusura del Forame ed ha potuto riprendere l’attività agonistica senza problemi.

Una volta diagnosticato il Forame Ovale Pervio (FOP) è consigliabile la chiusura per scongiurare eventuali futuri ictus.

L’intervento è semplice, di solito dura pochi minuti, viene praticato a cuore battente introducendo dalla vena dell’inguine e senza lesioni, un piccolo tappo chiamato ombrellino e dopo pochi giorni (una decina) si possono riprendere le normali attività.

Letto 8252 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Gennaio 2015 18:47
Devi effettuare il login per inviare commenti