COME FUNZIONA: Caro Visitatore questo sito ha una parte accessibile solo previa iscrizione (FORUM) e accettazione delle regole di uso e una parte informativa accessibile a tutti in cui puoi trovare gli articoli scritti da medici o utenti del nostro forum. NOTA BENE: I COMMENTI AGLI ARTICOLI PUBBLICI SONO VISIBILI A TUTTI.
Se vorrai confrontarti o portare la tua esperienza potrai anche iscriverti al nostro forum, che è riservato e accessibile solo sotto utente e password al fine di osservare le regole di base di privacy dei partecipanti, oppure puoi consultare gli articoli liberamente.

SE TI REGISTRI COME MEMBRO DEL FORUM DI FIBRILLAZIONEATRIALE.IT, POTRAI CONSULTARE ANCHE L'ELENCO DEGLI INDIRIZZI DEI MEDICI CHE GENTILMENTE SI SONO RESI DISPONIBILI A RISPONDERE VIA MAIL.

Domenica, 21 Dicembre 2014 00:00

Sospendere e cambiare terapia prima di un intervento

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Riporto perché ritengo sia di interesse comune un argomentazione toccata all’interno del forum inerente l’assunzione prolungata di farmaci e l’intenzione del medico di sospenderla. Per privacy non riporto i nomi della persone coinvolte ma ho già letto preoccupazioni simili in altri post e penso che a molti di noi possa interessare.  

In molti casi i disturbi di aritmie si riescono a tenere sotto controllo con cure farmacologiche anche per lungo tempo, ad un certo punto il cardiologo e/o l’aritmologo suggeriscono una graduale diminuzione del farmaco per verificare se sia effettivamente necessario procedere con interventi di ablazione per rendere definitiva la guarigione.

Nei post quello che leggo spesso è l’ansia di sospendere “quell’amico”  farmaco che fino ad oggi ci ha fatto sentire meglio e come non capirlo. Allora uno dei dilemmi che si ponevano nel post che leggevo nel forum era: sospendo la terapia e poi vedo se serve un intervento chirurgico o faccio l’’intervento e poi sospendo il farmaco.?

Sottolinea che le situazioni e le scelte cambiano da caso a caso ma riporto un estratto di quanto ha risposto il dott Benussi e che mi sembra molto razionale e facile da comprendere anche dai più impreparati come me:

“..spesso l'unico modo per verificare la reale necessità di un farmaco antiaritmico é sospenderlo e vedere "cosa c'è sotto". Troppo spesso, purtroppo succede il contrario ed il Paziente si ritrova in trattamento cronico con farmaci ad elevato rischio di effetti collaterali.
L'esempio classico é quello di chi lascia i pazienti cronicamente in terapia DOPO la procedura ablativa, a volte per motivi psicologici, a volte per sfiducia nell'efficacia della procedura eseguita (...). In certi casi la terapia é appesantita o potenziata proprio in concomitanza della procedura ablativa: in tali casi É IMPOSSIBILE SANCIRE L'EFFICACIA DELL'ABLAZIONE fino a che il trattamento farmacologico con antiaritmici non sia stato sospeso del tutto (così stabiliscono le linee guida), o quantomeno non sia uguale o più leggero rispetto allo stato pre ablazione.”

Questo penso possa dare più serenità nel considerare la situazione a chi si vede proporre una scelta che porta a riaprire stati d’ansia dovuti a cambiamenti verso situazioni “ignote”, magari che prevendono anche una possibile ricomparsa di quei sintomi che per anni quel farmaco a tenuto lontano.

Nessun consiglio che leggiate deve essere preso come legge ma va’ valutato con lo staff medico che vi segue e vi ricordo che on line trovate tanti professionisti preparati e pronti a dare risposte scritte ai vostri dubbi, anche solo mandando una semplice email. Se siamo ben informati siamo anche più bravi a far comprendere ai medici come “siamo fatti” e loro ci suggeriranno il meglio per la nostra situazione.

Letto 2640 volte Ultima modifica il Domenica, 21 Dicembre 2014 19:12
Devi effettuare il login per inviare commenti