COME FUNZIONA: Caro Visitatore questo sito ha una parte accessibile solo previa iscrizione (FORUM) e accettazione delle regole di uso e una parte informativa accessibile a tutti in cui puoi trovare gli articoli scritti da medici o utenti del nostro forum. NOTA BENE: I COMMENTI AGLI ARTICOLI PUBBLICI SONO VISIBILI A TUTTI.
Se vorrai confrontarti o portare la tua esperienza potrai anche iscriverti al nostro forum, che è riservato e accessibile solo sotto utente e password al fine di osservare le regole di base di privacy dei partecipanti, oppure puoi consultare gli articoli liberamente.

SE TI REGISTRI COME MEMBRO DEL FORUM DI FIBRILLAZIONEATRIALE.IT, POTRAI CONSULTARE ANCHE L'ELENCO DEGLI INDIRIZZI DEI MEDICI CHE GENTILMENTE SI SONO RESI DISPONIBILI A RISPONDERE VIA MAIL.

Mercoledì, 10 Dicembre 2014 00:00

Wolf Mini Maze In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

La procedura Wolf mini maze

 

Fino a qualche anno fa, al paziente affetto da FAP isolata, che dopo una cura farmacologica non riuscita o con numerose recidive annuali di FA,  si prospettavano  due possibili soluzioni: cronicizzare la FA o ricorrere ad una ablazione trans catetere.
E’ noto che l’ablazione TC ha un’ efficacia nel breve-medio termine  ed assicura un risultato positivo solo nel  50/60% dei casi; molte volte il paziente deve essere sottoposto ad una seconda  procedura ablativa.
Negli ultimi anni  a queste soluzioni  è venuta ad affiancarsi  l’intervento di chirurgia mini invasiva. I risultati finora raggiunti con quest’ultima tecnica,  hanno dimostrato che essa non può essere considerata come una soluzione di “terza fascia” ma deve essere vista come una validissima alternativa alla classica ablazione TC.
La procedura chirurgica per la cura  della fibrillazione atriale, la Wolf mini maze, sta avendo un significativo incremento nel trattare la FAP isolata.
I candidati a questa procedura mini invasiva, sono quei soggetti che hanno ricevuto un trattamento farmacologico ma con risultati scarsi o quasi nulli nella cura della FA.
A partire dalla fine degli anni ’90, l’impiego di nuove fonti di energetiche (vedi RADIOFREQUENZA, CRIOTERMIA,LASER,ULTRASUONI,MICRO ONDE) nelle procedure di ablazione, ha portato alla creazione di svariati tipi di cateteri: rigidi, flessibili, unipolari e bipolari. Ognuno di questi cateteri, presenta delle  diverse capacità di creare lesioni transmurali con l’isolamento elettrico nella zona ablata.
Il Dottor Haissaguerre, noto aritmologo francese, verso la fine degli anni ’90, dimostrò che le vene polmonari, poste nell’atrio sinistro, erano nel 90% dei casi, la causa scatenante dei trigger e del mantenimento della stessa FA.
L’utilizzo della radiofrequenza e i morsetti bipolari, nella procedura Wolf mini maze, è stato lo strumento maggiormente usato per creare le due isole perimetrali intorno alle vene polmonari. I morsetti bipolari, permettono il passaggio del calore solo nella zona di contatto tra le due mandibole della pinza stessa, senza danneggiare le zone adiacenti per il troppo calore, evitando al tempo stesso, il rischio tromboembolico per il surriscaldamento del sangue.
Questa procedura chirurgica, semplificata, è stata applicata in numerosi centri chirurgici per il trattamento della FA, con vantaggi quali mini accessi invasivi, minimo danno alle zone del cuore, esclusione dell’auricola sinistra, linee trasmurali, minore o quasi nulla esposizione ai raggi X.
Questa procedura ablativa viene eseguita a cuore battente senza circolazione extracorporea.

                           Toni 2012.

Letto 2502 volte

3 commenti

  • Link al commento Alfredo Fanelli Giovedì, 18 Dicembre 2014 22:26 inviato da Alfredo Fanelli

    Credo che il Dott. Benussi abbia risposto alla tua domanda riguardo la Mini Mazze all'interno del forum Giorgio. Puoi eventualmente scrivergli a stefano.benussi@hotmail.it

  • Link al commento antonio Venerdì, 12 Dicembre 2014 13:26 inviato da antonio

    Ciao Giorgio e scusa il ritardo. Il dott. Benussi cardiochirurgo attualmente opera a Zurigo (Svizzera) ma anche a Bergamo alla clinica Gavazzeni una volta alla settimana.Le visite sono a Milano alla casa di cura Columbus in via Buonarroti 48, tel. 02480801. Indirizzo mail stefano.benussi@hotmail.it. Se puoi sopportare un' altro intervento, sarà il dott. Benussi a decidere visto i due precedenti interventi. Resto a tua disposizione per eventuali altre informazioni. Auguri e facci sapere.
    Toni 2012

  • Link al commento Giorgio Giovedì, 11 Dicembre 2014 18:33 inviato da Giorgio

    Dove e da chi viene eseguita?
    Può essere sopportata anche da chi ha già subito due operazioni a cuore aperto in cinque anni per la plastica mitrale?

Devi effettuare il login per inviare commenti