COME FUNZIONA: Caro Visitatore questo sito ha una parte accessibile solo previa iscrizione (FORUM) e accettazione delle regole di uso e una parte informativa accessibile a tutti in cui puoi trovare gli articoli scritti da medici o utenti del nostro forum. NOTA BENE: I COMMENTI AGLI ARTICOLI PUBBLICI SONO VISIBILI A TUTTI.
Se vorrai confrontarti o portare la tua esperienza potrai anche iscriverti al nostro forum, che è riservato e accessibile solo sotto utente e password al fine di osservare le regole di base di privacy dei partecipanti, oppure puoi consultare gli articoli liberamente.

SE TI REGISTRI COME MEMBRO DEL FORUM DI FIBRILLAZIONEATRIALE.IT, POTRAI CONSULTARE ANCHE L'ELENCO DEGLI INDIRIZZI DEI MEDICI CHE GENTILMENTE SI SONO RESI DISPONIBILI A RISPONDERE VIA MAIL.

Sabato, 25 Aprile 2015 00:00

TACHICARDIA DA RIENTRO NEL NODO ATRIO VENTRICOLARE (TRNAV): UNA QUESTIONE DI CORSIE PREFERENZIALI In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

La tachicardia da rientro nodale (TRNAV) è una delle tachicardie sopraventricolari a maggior riscontro nel sesso femminile.

E' dovuta ad una dissociazione longitudinale nel NODO ATRIO VENTRICOLARE che porta alla formazione al suo interno di due vie distinte denominate lenta e rapida e per convenzione denominate alfa e beta.

Si distinguono due tipi della suddetta aritmia ovvero comune e non comune, essendo comune è di maggior riscontro infatti il 95% dei casi è di questo tipo

Nella forma di tachicardia comune la conduzione dagli atri ai ventricoli detta anche anterograda avviene attraverso la via lenta mentre la conduzione inversa quindi tra ventricoli e atri avviene attraversa la via rapida, nella forma non comune accade esattamente l'opposto.

Schema della tachicardia da rientro nodale di tipo comune in alto e non comune in basso

MECCANISMO

Quando nel NODO ATRIO VENTRICOLARE sono presenti le due vie che si riuniscono in basso a formare una via comune, ogni impulso sinusale raggiunge e penetra nelle due vie (figura a in alto) l'impulso proveniente dalla via rapida essendo più veloce raggiunge prima la via comune quindi può o raggiungere la via comune posta in basso e aspettare l'impulso proveniente dalla via lenta oppure invadere parzialmente la via lenta in senso retrogrado (figure B e C in alto) perchè la tachicardia da rientro nodale abbia inizio occorre che vi sia la seconda opzione in cui l'impulso scelga di invadere in senso retrogrado dai ventricoli agli atri anche la via lenta.

Ciò è reso possibile dalla differenza di periodi che vengono detti refrattari in cui la via lenta può essere penetrata poichè non ancora giunta nella via comune inferiore (figura D in alto) quindi è come se l'impulso proveniente dalla via lenta fosse annullato lasciando il compito alla via rapida in tal modo l'impulso elettrico continua a girare nel nodo atrio ventricolare perpetuando l'aritmia 

Per poter iniziare e interrompere la tachicardia occorre in entrambi i casi un battito prematuro di origine sopraventricolare in poche parola un' EXTRASISTOLA ATRIALE

All'elettrocaediogramma di superficie le onde P molto spesso non sono visibil poichè coincidono con il QRS o se si vedono seguono immediatamente il QRS

Sotto limmagine che mostra la differenza nei diversi casi di tachicardia da rientro nodale in cu ini A l'attivazione atriale o l'onda P precede il QRS, in B l'onda P coincide con il QRS e in C l'onda P che segue il QRS

Schema

Letto 5047 volte
Altro in questa categoria: « LA CARDIOVERSIONE
Devi effettuare il login per inviare commenti