COME FUNZIONA: Caro Visitatore questo sito ha una parte accessibile solo previa iscrizione (FORUM) e accettazione delle regole di uso e una parte informativa accessibile a tutti in cui puoi trovare gli articoli scritti da medici o utenti del nostro forum. NOTA BENE: I COMMENTI AGLI ARTICOLI PUBBLICI SONO VISIBILI A TUTTI.
Se vorrai confrontarti o portare la tua esperienza potrai anche iscriverti al nostro forum, che è riservato e accessibile solo sotto utente e password al fine di osservare le regole di base di privacy dei partecipanti, oppure puoi consultare gli articoli liberamente.

SE TI REGISTRI COME MEMBRO DEL FORUM DI FIBRILLAZIONEATRIALE.IT, POTRAI CONSULTARE ANCHE L'ELENCO DEGLI INDIRIZZI DEI MEDICI CHE GENTILMENTE SI SONO RESI DISPONIBILI A RISPONDERE VIA MAIL.

Sabato, 27 Dicembre 2014 00:00

Feste_Alcol e fibrillazione atriale

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Soprattutto durante la stagione delle vacanze, o durante i matrimoni, laurea o altre occasioni di festa, non è raro che sani giovani  sviluppano episodi di fibrillazione atriale - una condizione nota come cuore festa.

La maggior parte dei casi di cuore festa iniziano con "la fibrillazione atriale parossistica," che è, la fibrillazione atriale che inizia improvvisamente, e dopo un po ', si ferma improvvisamente. I pazienti potranno sperimentare l'improvvisa insorgenza di tachicardia, palpitazioni, e spesso vertigini o mancanza di respiro. Quando i loro medici fanno un ECG durante uno di questi episodi, vedranno la fibrillazione atriale.
Nella maggior parte delle persone che hanno la fibrillazione atriale, l'aritmia è causata da malattie cardiache sottostanti o da invecchiamento. Spesso non c'è motivo identificabile per fibrillazione atriale. Ma in vacanza cuore, la causa è una sensibilità insolita al consumo di alcol.
Mentre l'ingestione di alcol cronica è associata ad un aumentato rischio di fibrillazione atrialeal contrario, la fibrillazione atriale può essere prodotta da un unico grande "dose" di alcol .
Questo fenomeno - fibrillazione atriale dopo un episodio di grande dose di alcol è evidente - è la forma più comune di vacanza Cuore, e i medici sono generalmente ben consapevoli di questa condizione.
Ma si scopre che alcune persone sono semplicemente estremamente sensibili all'alcol, tale che anche quantità moderate - due o tre bevande, e, talvolta, una singola bevanda - possono innescare episodi di fibrillazione atriale.
I pazienti che hanno episodi di fibrillazione atriale parossistica dovrebbero esaminare attentamente se gli episodi sembrano in alcun modo essere correlato al consumo di alcol. E i medici che trattano pazienti con questa condizione dovrebbero essere attenti a chiedere anche l'esposizione minore all'alcol. Fare la diagnosi corretta può risparmiare il paziente da trattamenti inadeguati.
Letto 4149 volte Ultima modifica il Sabato, 27 Dicembre 2014 18:26

1 commento

  • Link al commento Roberto Domenica, 28 Dicembre 2014 19:18 inviato da Roberto

    Ricordo un episodio di FA a Ventotene molti anni fa dopo una serata a base di Caipirinha con compagni di baldoria. Dopo la notte mi svegliai all'improvviso, saranno state le 5.00, con il cuore in gola che batteva all'impazzata e terrorizzato. Auto nell'isola non ce n'erano, solo il camioncino dell'immondizia. Così mi caricarono in mezzo ai sacchi dei rifiuti e mi portarono dalla Guardia Medica. Lì c'era un ECGrafo, ma nessuno in grado di leggerlo. per cui il tracciato venne mandato via fax all'Ospedale S. Maria Goretti di Latina dove diagnosticarono: "Fibrillazione Atriale ad alta frequenza". Cosa di cui, ovviamente, già mi ero accorto benissimo. Sempre con lo stesso mezzo di trasporto, stavolta vuoto del suo carico olezzante, fui riportato a domicilio dove mi feci una giornata di letto, Valium e Chinidina ordinatami per telefono dal mio cardiologo (a quei tempi si usava ancora non essendone sufficientemente provata la simpatica tendenza a indurre "torsione di punta").
    La sera mi era passata. Però, se qualcuno mi avesse parlato del ruolo dell'alcool, se avessi saputo che non avevo una grave malattia cardiaca, ma solo che dovevo intanto cominciare ad eliminare del tutto gli alcoolici (cosa che ho scoperto dopo a mie spese) sarebbe stato tutto più tranquillo, mi sarei preoccupato di meno, probabilmente non mi sarei nemmeno fatta venire la FA.
    Roberto

Devi effettuare il login per inviare commenti